L’ex astronauta Ed Mitchell accusa e chiede trasparenza a Obama

EdgarMitchellShowPhoto.jpg

Gli extraterrestri esistono, ma Stati Uniti e Governi di altri paesi tengono nascosta la verità. Parola dell’ex astronauta americano Edgar Mitchell (ex Apollo 14), che ne ha parlato alla quinta edizione della X-Conference, un meeting organizzato dagli appassionati di Ufo e da ricercatori che studiano la possibilità di esistenza di forme di vita aliene. ”Non siamo soli nell’universo”, ha detto Mitchell, secondo quanto riporta un servizio della Cnn. ”Il nostro destino, secondo la mia opinione, è quello di diventare parte di una comunità planetaria. Dovremmo prepararci ad andare oltre il nostro pianeta e oltre il nostro sistema solare per scoprire che cosa c’è davvero là fuori”. Mitchell e’ cresciuto a Roswell, nel New Mexico, luogo dove si sarebbe schiantato un Ufo nel 1947. I residenti della zona, secondo quanto ha raccontato l’ex astronauta, furono costretti al silenzio ”dalle autorità militari” che li minacciarono di ”gravi conseguenze” se avessero parlato. Ma i cittadini, ha aggiunto Mitchell, non volevano portarsi il segreto nella tomba. ”Volevano dirlo a qualcuno di affidabile e lo hanno detto a me, che ero uno della zona ed ero stato sulla Luna”. Dieci anni fa, ha rivelato ancora Mitchell, l’ex astronauta fu ricevuto al Pentagono per discutere della vicenda ed un ammiraglio gli confermò la storia, promettendogli che la verità sarebbe stata presto rivelata all’opinione pubblica. Lo stesso ufficiale, ha detto ancora Mitchell, adesso invece nega. ”Consiglio a coloro che hanno dei dubbi di leggere libri e tutto quello che si è’ scritto per cercare di capire che cosa è veramente successo. Perché non c’è dubbio che noi siamo stati visitati dagli extraterrestri”. La storia di Roswell risale al 3 luglio del 1947, quando il proprietario di un ranch trovò sui suoi terreni dei resti metallici. L’aeronautica militare statunitense parlò prima di un incidente che aveva coinvolto un ”disco volante” e poi modificò la sua versione riferendo che il misterioso oggetto caduto a Roswell era un pallone sonda che svolgeva rilevamenti sulla situazione meteorologica. Dopo questo episodio, le autorità americane cominciarono a smentire duramente ogni notizia di avvistamento di Ufo, atteggiamento che gli ufologi ritengono dettato dalla necessità di nascondere la verità per evitare un trauma di massa. Alla conferenza hanno partecipato numerosi scienziati, ex-militari e attivisti della causa della fine del segreto sui contatti con gli alieni  Tra i più ascoltati c’è l’ex luogotenenete dell’Air Force statunitense Milton Torres, protagonista nel 1957 di un famoso incontro, mentre pilotava il suo aereo militare sull’Inghilterra, con un UFO apparso sul suo schermo radar ‘grande come una portaereì e con la capacità di viaggiare a Mach 10, dieci volte la velocità del suono. L’incontro tra il pilota Usa e l’Ufo è stato protetto per molti anni dal segreto militare. «I miei superiori mi impedirono di parlare dell’incidente persino con mio padre», ha raccontato l’ex pilota. Solo l’anno scorso i documenti riguardanti l’incidente sono stati declassificati dalle autorità militari.

 

(fonte: misterobufo.corriere.it)

L’ex astronauta Ed Mitchell accusa e chiede trasparenza a Obamaultima modifica: 2009-04-23T14:29:00+02:00da gruppogaus
Reposta per primo quest’articolo